20 mar 2013

food and sound

Una settimana di immersione nel mediterraneo dei suoni dei sapori e dei popoli


http://www.facebook.com/events/144660339020869/?fref=ts

CAMBUSA in CASA ( Savarin di miglio giallo e misticanza con coriandolo lavanda e peperoncino))

...ovvero, La Ricerca Continua.

ingredienti per la sopravvivenza:
-un fornelletto da campeggio
-due pentoline
-entusiasmo
-emozione
-curiosità
-pazienza
-appetito


ingredienti alimentari - per 2 persone- 
( sempre per la sopravvivenza)

-miglio giallo 150 gr
-misticanza 300 gr
-olio Extra Vergine
-sale
-peperoncino
-coriandolo
-lavanda
-acqua


La misticanza va bene tutta: erbe di campo in almeno tre varianti, tipo cicorione, tarassaco, ortica.
In quella che ho usato io c'era anche bieta rossa  e broccoletto mizuma.


Mettete a bollire dell'acqua, quando bolle tuffatevi la misticanza ben lavata( non tagliata).
Fatela scottare e ammorbidire.
Scolatela dall'acqua( TENETE L'ACQUA!!)  e mettetela in un piatto, poi tagliatela un po', grossolanamente.



In un altro pentolino fate tostare il miglio con poco olio . Versate tanto brodo quanto ne serve a coprire il miglio . Fate cucocere a fuoco lento (!). A metà cottura unite la misticanza tagliata.








Se il liquido si asciuga aggiungete altro brodo, poco a poco, quanto basta per far cucinare il miglio, e amalgamarsi bene con le erbe. Il miglio  non deve spappolarsi. Solo cuocersi.
Aggiustate di sale. Levate dal fuoco e nello stesso tegame unite per insaporire il trito di erbe aromatiche( io ho usato quelle del mi'zio: un mix di coriandolo lavanda e finocchietto selvatico)

Ungete un piccolo savarin, o un qualsiasi stampo monoporzione.

Versatevi l'impasto, schiacciando bene e facendo aderire alle pareti dello stampo.
In un piatto preparate un 'letto' di verdure come vi pare...le stesse del tortino, oppure una foglia di lattuga, oppure rucola, oppure cicoria, oppure..it's up to you.

Sformate il Savarin.

( Con il brodo avanzato dalla cottura della misticanza potete preparare una velocissima besciamella vegan- vedi ricetta Crespelle- da versare sopra per completare il tutto)

Mettete se vi piace del peperoncino sbriciolato.
Spolverate con semi di papavero.
Versatevi un bicchiere di vino.
Mangiate.
Godete.

Basta così poco.



16 mar 2013

"Polpette di bietina e amaranto con crema di lenticchie rosse decorticate''



Ingr. per 4 persone:
 - Bietina 600 g.
 - Amaranto 350 g.
 - Lenticchie rosse decorticate 250 g.
 - Curcuma
 - Sesamo
 - Semi di senape
 - Coriandolo
 - Farina di riso 120 g
 - Olio evo
 - sale


Lavate la bietina e scottatela in acqua bollente. Scolatela e strizzatela bene. Conservate l'acqua di cottura.  Lavate l'amaranto. Fatelo tostare in poco olio. Unite l'acqua di cottura della bietina. (Proporzione: 1 bicchiere di amaranto  - 1 bicchiere e mezzo di acqua).

Quando l'amaranto avrà assorbito il liquido spengete la fiamma. Fate  stiepidire. Impastate insieme bietina e amaranto, insaporite con curcuma, grani  di senape, semi di sesamo, sale e coriandolo. Per legare l'impasto aggiungete  due cucchiai di olio evo e 3 cucchiai di farina di riso. Fate riposare in frigo  per due ore.

Intanto preparate le lenticchie, stufandole con poca acqua. Aggiustate di sale  e curcuma a vostro piacere e se potete/volete anche di peperoncino, Lasciate la  crema abbastanza fluida (potete passarla con un colino o frullarla col mixer a  immersione).

Preparate le polpette, passatele nella farina di riso e finite di cuocerle in  forno a 160° per 20 minuti. Servitele accompagnate dalla salsa di lenticchie e erbetta tritata.