15 mag 2013

nei giorni scorsi ho scritto il mio primo libro di ricette.
Nel senso che era proprio un libro, con la copertina,
i colori, le foto, le ricette , mie, la forma del libro, e soprattutto un senso .
Ed è stato troppo bello.

..Pasqua verde e...Zalla!!!

Matrimonio all'italiana : Tortellini bolognesi con Salto di Romaneschi

Venerdi 29 marzo , grazie ad un piacevole passaggio di contatti
tra le brave comunicatrici di fuddenuain e food blogger di ogni sorta, mi sono imbattuta in Zalla.
Zalla è una località spagnola, è vero, è una parola buffa, altrettanto vero, ma è anche un piccolo antro pieno di delizie culinarie tutte di matrice bolognese doc, nascosto tra i palazzi alle spalle di viale 21 aprile e via nomentana.
Ed è un colore. Il colore della sfoglia, la fujeda direbbero i miei amici di Reggio Emilia, il colore che le uova e il lavoro danno alla sfoglia di pasta fresca.

Daniele, padrone di casa, ci ha proposto mille assaggi di tipicità artigianali dolci e salate.
E poi prima di andar via investite dai sapori, un dono, per noi ospiti... la mostarda, la marmellata di visciole, le streghe ( in effetti mi son sentita a casa) e..meravigliosi freschi tortellini.
Con la promessa di rilanciare con un'idea nuova, diversa.
E quindi la sfida è stata raccolta, e fedele alla linea della stagionalità ho pensato ad un connubio tra bologna e roma. Semplice, saporito.
Un matrimonio all'italiana.

Ingr per 4 persone affamate:
  • 350 gr di tortellini veri bolognesi Zalla
  • 3 bei carciofi romaneschi
  • 2 spicchi di aglio
  • qualche foglia di mentuccia e prezzemolo
  • brodo di carne
Pulite i carciofi, tenendo a portata di mano una bacinella piena di acqua acidulata al limone.
Divideteli in quattro spicchi e poi in otto e metteteli nell'acqua col limone.
Preparate un battuto profumato di menta prezzemolo e aglio.
In una padella antiaderente soffriggete l'olio extravergine con uno spicchio di aglio
Quando l'olio è caldo mettetevi gli spicchi di carciofi ancora bagnati( attenti agli schizzi di olio)
e fate ben scoppiettare a fiamma alta, poi abbassate il fuoco coprite la padella e fate ammorbidire.
Intanto avrete preparato il brodo( Zalla propone il Ferioli, è un preparato ma di qualità, sennò fatelo voi, e sennò andrà bene un buon brodo vegetale fatto con un mazzetto guarnito semplice), e quando bolle tuffatevi i tortellini. Nel frattempo i carciofi saranno pronti, levate il coperchio e alzate la fiamma per farli diventare croccanti. Insaporiteli con il battuto. Levate i tortellini dal brodo e metteteli nella padella, con attenzione mantecate il tutto.
Servite spolverando ancora col battuto e poco parmigiano grattugiato.
Auguri e figli maschi!
-